Studiopiù Sicilia

26

Mag

“La Mia Mamma”: un siciliano conquista Londra con il “ristorante delle mamme”

Giuseppe Corsaro, imprenditore siciliano che si è trasferito a Londra, è l’ideatore di “La mia mamma“, un format di ristorazione capace di conquistare la capitale inglese.

Corsaro è nato in Sicilia e si è trasferito a Londra all’età di 16 anni. Presto ha iniziato a desiderare i sapori e le tradizioni di casa, sentendo in particolare la mancanza del pranzo domenicale. Dopo aver costruito una carriera nel mondo della ristorazione, è nata praticamente per caso l’idea di “La Mia Mamma“.

Era il 2018: ha chiamato la madre Anna, nata e cresciuta a Messina, che non ha esitato neanche un secondo. È partita subito e oggi guida un team di mamme in cucina. Il progetto è nato nel quartiere di Chelsea ed è riuscito a crescere anche nel periodo della pandemia, includendo altri due locali: un secondo ristorante a King’s Road e una gastronomia a Notting Hill

Il funzionamento è semplice: mamme e nonne italiane vengono “reclutate” e si trasferiscono a Londra per tre mesi. Mostrano e preparano le loro ricette tradizionali della cucina locale, quindi passano il testimone alle mamme di una regione diversa. 

Così si può fare un viaggio alla scoperta delle specialità di ogni regione. In questo periodo, ad esempio, il progetto si sta concentrando sulla Campania e sul Lazio. Le cucine sono visibili dalla strada e i passanti possono vedere lo mamme al lavoro.

Ogni tre mesi, dunque, a Londra si alternano le abili cuoche provenienti dall’Italia. Tutto parte da una candidatura e prosegue con i colloqui e le prove di cucina. Chi passa. ha l’opportunità di trasferirsi a Londra per tre mesi, per un lavoro retribuito che comprende anche vitto, alloggio e abbonamento ai mezzi pubblici. Al momento, nessuna delle candidature è mai stata rifiutata. Ogni ristorante ha tre “mamme“, che vengono presentate attraverso i social.

Alcune delle cuoche non hanno mai visto Londra, altre hanno già viaggiato, ma vogliono sperimentare qualcosa di nuovo. Tutte hanno in comune l’amore per la tradizione culinaria dell’Italia: un Paese la cui cucina viene apprezzata a ogni latitudine.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: siciliafan.it