Studiopiù Sicilia

05

Nov

Montalbano Elicona (ME) – Inizia il live itinerante di Joe Bertè

In un periodo di pandemia, quale quello attuale, dove tutti i concerti, i dj set ed i concerti dal vivo sono vietati, il noto produttore musicale Joe Bertè s’inventa un live itinerante attraverso i luoghi magici e mistici della Sicilia, terra da lui tanto amata. Il nuovo progetto in collaborazione con la “Ventiseiesima Strada Film” prende forma col primo appuntamento, da lui intitolato “Il mistero delle pietre”, un live dj set della durata di un’ora immerso nella suggestiva location delle Rocche di Argimusco, nel Comune di Montalbano Elicona, considerato uno dei complessi rupestri più interessanti di tutta l’Italia meridionale.

Tali enormi megaliti s’innalzano così meravigliosi dal verde della vegetazione da far attribuire al sito l’appellativo della “Stonehenge siciliana”, destinata probabilmente per utilizzi astronomici, calendaristici e/o rituali. Le loro sagome esercitano un fascino tutto particolare in chi le guarda: infatti si possono ammirare massi rispettivamente dalla forma allungata generalmente associati ai simboli sessuali maschile e femminile; una roccia, chiamata l’Aquila, un rapace con le ali spiegate e la punta del becco rivolta verso l’Etna; una roccia simile ad un volto umano con un foro in corrispondenza dell’occhio, forse usato a scopi astronomici, identificata come il Guerriero o il Sacerdote.

Altre rocce richiamano forme animali, e, passeggiando per l’altopiano, si potranno quindi incontrare il Capro ed anche la Civetta, ma la più suggestiva e scenografica è quella dell’Orante, emergente dalla rupe dell’Acqua e ricorda una figura femminile in preghiera alta oltre 25 metri con il volto rivolto a settentrione. Interpretando il misticismo ancestrale di quel contesto, Joe Bertè ha realizzato una musicalità dalla commistione fra l’antico ed il moderno con un ritmo frenetico a simboleggiare una molteplicità di riti misterici dal susseguirsi irrazionale di movimenti turbinosi, legati al culto della madre Terra, impiegati dai primi uomini per propiziare la fertilità dei terreni e la copiosità dei suoi frutti.

’esibizione di Joe Bertè sulla roccia dell’Orante rappresenta senza dubbio un’allegoria di una preghiera musicale dalle sonorità electro-tribali a esortare le divinità ad esorcizzare dalle nostre esistenze i mali e gli affanni arrecati dal terribile Coronavirus. Egli ha voluto fortemente l’attuazione di un progetto contrassegnato da un mix tra musica, paesaggi con riprese aeree e terrestri per infondere un tocco di magia unica per sublimare la perfetta simbiosi fra musica e natura e soprattutto per valorizzare la terra siciliana nell’intento di far conoscere al mondo luoghi del tutto ignoti. La regia è stata curata da Federico Maio e la composizione floreale è stata curata dalla Flory’Dea di Scala Torregrotta, mentre la gestione tecnica audio service è stata compiuta dalla ditta Cuppari di Messina. Il format è presente in versione short sul canale telematico Youtube, mentre lo si può ammirare in quello integrale sul sitohttps://www.ventitreesimastrada.com/vibes

Lo stesso sarà anche in onda televisiva venerdì 6 novembre sul canale 621 del digitale terrestre “Isla Bonita TV”. Joe Bertè sta già lavorando al prossimo episodio, intitolato “Il Castello magico”, di cui non vuole anticipare alcunché per offrire ai suoi fans un’altra incantevole sorpresa.

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: fai.informazione.it