Studiopiù Sicilia

27

Gen

Non è un parcheggio nè un'area Covid: un borgo sulle Madonie potrebbe essere "zona blu"

Attualmente sono 5 i luoghi più sani del pianeta e si trovano in Sardegna, in Giappone, in Costa Rica, in Grecia e in California. Il sesto potrebbe essere in Sicilia. Ecco dov'è

Le hanno definite blue zone (zone blu) ma non si tratta di parcheggi a pagamento, né di nuovi colori dettati da un maggiore o minore rischio di diffusione del Covid-19. In questo caso, indicano delle precise aree geografiche in cui la speranza di vita è notevolmente più alta rispetto alla media mondiale.

Tutto nasce quando gli studiosi Gianni Pes e Michel Poulain hanno pubblicato su Experimental Gerontology il loro studio demografico sulla longevità umana in cui emergeva che la provincia di Nuoro, in Sardegna, ha la maggiore concentrazione di centenari al mondo.

Allora, per procedere nel lavoro, hanno cominciato a tracciare sulla mappa dei cerchi blu che indicavano le zone con la più alta longevità, da qui il termine "zona blu".

Nel 2004, poi, Dan Buettner, giornalista del New York Times, ha iniziato un viaggio alla ricerca dei luoghi più sani del pianeta e ne ha identificati altri quattro, offendo a sostegno dati empirici e osservazioni in prima persona: l'isola di Okinawa (Giappone), Nicoya (Costa Rica), Icaria (Grecia) e la comunità di avventisti di Loma Linda, in California.

Sono luoghi caratterizzati da un’alta percentuale di felicità dei loro abitanti e da un’alta presenza di persone che superano i 90 anni d’età. In altre parole sono i luoghi in cui si vive meglio al mondo. Alle cinque zone blu attuali potrebbe presto aggiungersene una sesta molto vicina a noi.

Si tratta di Geraci Siculo, il grazioso borgo sulle Madonie.

I fattori chiave sembrano l’importanza data alle relazioni sociali e la priorità della famiglia, posta al centro di tutto, una dieta basata su legumi e verdure, un’ attività fisica moderata ma costante con spostamenti che avvengono principalmente a piedi.

Da qualche anno, lo studio è in corso in Sicilia, in particolare sui comuni delle alte Madonie, e Geraci Siculo potrebbe diventare la sesta zona blu del pianeta.

Del resto, stiamo parlando di un paesino caratterizzato da uno stile di vita genuino, fatto di piccole cose, come l'olio prodotto dalle stesse famiglie che lo consumano, la ricotta fresca consegnata dal pastore, frutta e verdura di stagione, coltivate da ciascuno nella propria campagna, niente traffico, aria pulita e acqua pura che sgorga proprio lì.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: balarm.it