Studiopiù Sicilia

27

Apr

Rocco Forte punta sulla Sicilia, tra nuove ville di lusso e treni storici: “Previsti arrivi record dagli USA”

Il gruppo turistico possiede il Verdura Resort a Sciacca, Agrigento, oltre allo storico hotel Villa Igiea di Palermo. Proprio nell’Agrigentino, si concentreranno i nuovi investimenti.

Accanto al resort e ai campi da golf del Verdura, spiega Il Sole 24 Ore, il brand ha realizzato 25 ville di lusso indipendenti, nell’ambito di un accorso di programma quadro pubblico-privato con Invitalia e il Comune di Sciacca.

«Abbiamo le autorizzazioni e sono state approvate le varianti urbanistiche per realizzarne un’altra quarantina su 50 ettari di aree verdi, abbiamo riscontrato un grande interesse e molte residenze sono già state vendute» ha detto Sir Rocco Forte. L’imprenditore italo-britannico è intervenuto a un convegno sul turismo a Sciaccamare.

Forte ha focalizzato l’attenzione sulle Terme di Sciacca, di proprietà della Regione, chiuse da 7 anni, un patrimonio in liquidazione e tuttora alla ricerca di un partner privato che possa gestirle e rilanciarle. 

«Se non si è ancora trovato un imprenditore disponibile ad intervenire – ha detto Forte – è perché fino ad oggi non è mai stato fatto un bando internazionale in modo intelligente». Per l’imprenditore italo-britannico, inoltre, sempre a Sciacca manca un porto turistico: «Se ci fosse, i margini di crescita del settore aumenterebbero ulteriormente». 

Il magnate ha anche anticipato le prospettive per la prossima stagione turistica: «La gente vuole viaggiare, e dopo due anni di pandemia, le prospettive per il nostro turismo sono ottime: prevediamo un numero di ospiti record, in arrivo in particolare dagli Stati Uniti».

Sempre in Sicilia, inoltre, Rocco Forte ha lanciato Sicilian Railway Experience, frutto della collaborazione con la Fondazione Ferrovie dello Stato. Fondata da Sir Rocco Forte e sua sorella Olga Polizzi nel 1996, Rocco Forte Hotels è una collezione di 14 alberghi e resort di lusso, la maggior parte in Italia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: siciliafan.it